Notiziario6 - Sito web della Parrocchia di Giubiasco

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Notiziario6

Pagine Notizario


I L    N O T I Z I A R I O
Vita parrocchiale

GRAZIE ALLE SUORE MISERICORDINE

Come molti lettori sapranno le Suore Infermiere Misericordine lasciano Giubiasco e chiudono la loro ultima casa in Svizzera. Dal 1935 erano presenti in Diocesi e dal 1932 erano presenti a Giubiasco. Innalzo a Dio un inno di lode per aver avuto il dono della presenza della misericordia fattasi carne nelle Suore che hanno formato la comunità misericordina in parrocchia.

Grazie a Dio perché, nel tempo cambiato e modificato sotto tutti gli aspetti in 85 anni di storia, la misericordia è sempre stata vissuta come presenza dell’amore. Nella fatica di adattarsi all’evoluzioni di leggi, di regole sanitarie, di abitudini, di dedizione a valori anche effimeri  più che alla formazione interiore, di malattie nuove, di situazioni familiari meno solide e meno solidali, le suore hanno sempre offerto la risposta dell’amore.
Gradisco però osannare la persona delle suore che, negli 85 anni, hanno formato la comunità misericordina a Giubiasco, ognuna delle quali aveva o ha un nome, una fisionomia, un volto e un carattere. Le ricordo per nome:
Sr. Angioletta, Sr. Adelaide, Sr. Ester, Sr. Franceschina, Sr. Colombina, Sr. Gabriella Catti, Sr. Clelia, Sr. Zita, Sr. Valentina, Sr. Assunta, Sr. Giustina, Sr. Pasqualina, Sr. Riccardina, Sr. Giannina, Sr. Elisetta, Sr. Felicina, Sr. Colomba, Sr. Ada.
Viventi: Sr. Lorenza, Sr. Tiziana, Sr. Maurizia, Sr. Maria Luisa, Sr. Corona, Sr. Maria Rosa, Sr. Desy e Sr. Anna.
Il grazie è per quelle mani che hanno offerto la cura, per quelle ginocchia che si sono piegate per la preghiera, per quel cuore generoso che ha saputo palpitare d’amore. I passi, le pedalate, i sorrisi, le strette di mano sono state le membra di quell’unico corpo che era formato dalla comunità delle Suore Misericordine.
L’inno di lode a Dio è per il richiamo che le donne consacrate hanno offerto con la loro presenza, alla comunità parrocchiale. I voti religiosi di povertà, castità e obbedienza hanno stimolato le persone della parrocchia alla fedeltà a Cristo e a fare della vita la più bella risposta all’amore di Cristo.
Nel 2017, dopo 85 anni, è giunta anche la chiusura  dell’ultima comunità misericordina nella Diocesi di Lugano. Prima sono state presenti anche ad Arbedo, a Chiasso, a Melano, a Locarno, a Lugano, a Biasca, a Bodio, a Mendrisio. Di conseguenza rivolgo un ringraziamento alla Parrocchia di Giubiasco, ai parroci che mi hanno preceduto, ai Consigli parrocchiali che hanno sempre avuto cura e onore, anche con sacrifici non indifferenti. Il ringraziamento raggiunge la popolazione che ha preferito, nelle cure a domicilio, la presenza di chi aveva “una marcia in più” - la spiritualità -,  nei confronti del servizio infermieristico a domicilio laico.
Sono tante le famiglie, i malati, i medici che hanno fatto capo alle cure delle Suore Infermiere Misericordine. Sono tante le famiglie e le persone che hanno aiutato, anche nella dimensione domestica, la comunità delle Suore.
Da ultimo ringrazio Sr. Anna Pini e Sr. Desy Berlusconi perché è toccato al loro cuore presentarsi ai parrocchiani per rispondere ai naturali perché della chiusura della comunità misericordina. Toccherà a loro riporre, quel poco che la povertà permette, nelle scatole o nella valigia. Lo faranno con il sentimento di una chiusura storica nella vita della Congregazione.
Invito la popolazione al ringraziamento ufficiale che sarà nell'Eucaristia di sabato 13 maggio 2017 alle ore 17.30 cui seguirà l'aperitivo di saluto. Nel pomeriggio del giovedì 15 giugno - festa del Corpus Domini -  la Parrocchia organizza una discesa a Monza, con torpedone, per dire grazie alla Congregazione.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu