CARITÀ - Sito web della Parrocchia di Giubiasco

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

CARITÀ

ATTIVITÀ


La carità


La Chiesa ha conosciuto l’amore di Dio per noi quando Cristo ha accettato la morte, da giusto per gli ingiusti. La croce di Cristo è per noi il simbolo dell’amore portato all’estremo nel donare la vita perchè tutti abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza (Gv 10,10).
La carità è diventata stile di vita del credente, perché, la sera prima di morire, nell’ultima sua cena, Cristo ha lavato i piedi ai suoi discepoli e ha detto che il vero modo di amare è servire i fratelli (Gv 13). La carità è uno stile di vita assunto da chi ha occhi per vedere i bisogni dei fratelli e sa pescare, nel profondo di sé, l’amore con cui è stato amato da Dio, per effonderlo nel fratello. Saremo anche giudicati sulla carità, se leggiamo il Vangelo di Matteo (Mt 25,31-46). Ecco perché la carità è anche il segno della fede nel Dio invisibile. "Come fai a dire che ami Dio che non vedi, se non sai amare il fratello che vedi"? (1 Gv 4,20).



Non si può vivere una vita di parrocchia accontentandosi della Liturgia e della catechesi. Bisogna che sia visibile anche la carità, tanto quanto la Liturgia e la catechesi. Certo ad amare non c’è un limite. Sarebbe più facile avere solo i comandamenti del decalogo che proibiscono di compiere il male. Ma Cristo ci ha messo nel disagio di amare. È un disagio perché il fratello che ti vede compiere un gesto d’amore preferirebbe che tu  lo facessi a modo suo e non tuo. È disagio perché, se compi un gesto di bene, il fratello che ti vede, ti chiede come mai non hai fatto seguire anche ciò che sarebbe potuto venire dopo. Ti chiede come mai ti sei fermato a tanto.
Ha ragione S. Pietro quando dice: "Siate sempre pronti a rispondere a quelli che vi chiedono spiegazioni sulla speranza che avete in voi, ma rispondete con gentilezza e rispetto, con la coscienza pulita"(1 Pt 3,15). Spiegandoti, non ti giustifichi agli occhi di chi ti critica, ma dai testimonianza del bene che tu hai saputo vedere in quel momento. Certo che sarebbe bene essere tanto liberi da fare due chilometri insieme a chi ti obbliga a percorrerne uno soltanto (Mt 5,41). Ma la carità è frutto della libertà. Fossimo sempre liberi, saremmo sempre disposti ad amare. La carità va a braccetto con la libertà, perché non si può obbligare all’amore. Anche l’amore scaturisce dalla libertà e diventa gratuità.

Tiriamo due conseguenze?
La prima è quella di saper usare il tempo libero per gesti comunitari di amore.
La Parrocchia ha bisogno di un gruppo visibile di persone che sappiano leggere i bisogni della popolazione o di singole famiglie per cercare, insieme, una risposta d’amore. Chi ha tempo libero lo metta a disposizione per la visita ai malati, per consolare gli afflitti, per dare una svolta a chi vede tutto nero dopo un lutto improvviso.
C’è bisogno di riempire la solitudine di persone che vivono sole o sono impedite dalla debilità e vivono in istituti o presso i familiari. C’è bisogno di accompagnare persone ai gruppi di ascolto, c’è bisogno di passare la notte con persone che, disorientate, si alzano a tutti gli orari della notte. La Parrocchia dovrebbe offrire tante persone in base ai tanti bisogni di "povertà" non finanziaria.

La seconda conseguenza è quella di non perdere mai di vista il riferimento a Cristo e al Vangelo. Occorre una spiritualità per vivere la carità. Questa spiritualità è fatta di gioia di frequentare il Gruppo per nutrirsi di meditazione e di preghiera, della Parola di Dio e dell’Eucaristia. La vera spiritualità parte dalla frequenza all’Eucaristia festiva per giungere anche alla Messa feriale; parte dalla comunità che si esprime "in un cuor solo e un’anima sola".
Questa è la marcia in più di coloro che fanno scaturire da Cristo la capacità d’amare e non restano solo professionisti della socialità. Le persone che sono professioniste nel campo assistenziale e sociale sono benvenute nei gruppi di attività caritative parrocchiali, perché sapranno dare quella competenza che il semplice volontario non potrà mai avere. Saremmo a disagio se organizzassimo una vita parrocchiale che non toccasse gli aspetti sociali e caritativi. Mancheremmo nei confronti del Cristo che ha donato a noi e a tutti i battezzati l’amore come comandamento.



Ecco allora la bellezza di avere in parrocchia le Suore infermiere misericordine. Professioniste perché infermiere diplomate. Donne di spiritualità e di preghiera che hanno un occhio particolare per leggere la dignità della persona e sanno, in libertà di cuore per i loro voti, fare della carità il loro carisma.
Ecco allora la bellezza della collaborazione con la "Società di S. Vincenzo de’ Paoli". È un’istituzione "cattolica, ma laica; povera, ma carica di poveri da sollevare, umile, ma numerosa" come è stata definita da Federico Ozanam, uno dei fondatori a Parigi nel 1833.
Questa società è presente sul territorio diocesano in varie sezioni. La Parrocchia di Giubiasco collabora con la sezione di Bellinzona.
Ecco allora la bellezza di avere in parrocchia il gruppo della Fraternità della Carità, al quale vi rimandiamo per la lettura del loro carisma specifico e delle loro finalità.

GIORNI E ORARI DELLE ATTIVITÀ CARITATIVE

Programma per l’anno pastorale 2014-2015

Riproporremo:

i raduni mensili
ogni secondo lunedì del mese, ore 14.00 presso l’Angolo d’Incontro, introdotti da un utile momento di riflessione, guidato da Don Giorgio

le  tombole annuali organizzate per Casa Aranda (autunno e primavera)

le visite e la consegna auguri agli anziani ed ammalati per le varie festività (da calendario liturgico e compleanni), a nome della Parrocchia di Giubiasco

la Festa della Madonna di Lourdes e Unzione del malato a Casa Aranda ed in parrocchia

la partecipazione
alle catechesi parrocchiali il lunedì pomeriggio (secondo il calendario degli incontri)

Rinnoveremo:
l’entusiasmo di essere al servizio di Gesù nel prossimo


Conosci il gruppo
CARITAS PARROCCHIALE?




Conosci il gruppo
FRATERNITÀ DELLA CARITÀ ?




 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu